Il masetto

In Trentino, nella valle di Terragnolo, c’è il Masetto un luogo che unisce cultura e natura.

Masetto viene da masét, termine dialettale che indica un “piccolo maso”. Le funzioni tradizionali – allevamento del bestiame, uso del bosco e agricoltura – si sono esaurite da tempo.
Il Masetto oggi è un esercizio rurale: una struttura ricettiva ricavata in un edificio di valore storico inserito in un contesto silvo-pastorale di pregio.
Accanto all’antico maso sorgono la chiesetta settecentesca dedicata a San Giuseppe (tutelata dalla Soprintendenza dei beni culturali) e una foresteria di recente costruzione che accoglie chi dorme al Masetto.
Un’idea originale di turismo che fa incontrare bambini e adulti e che collega tra loro l’illustrazione, la narrazione del paesaggio, la cucina di montagna, l’editoria internazionale, l’allevamento delle capre, la cura dell’ambiente, la divulgazione scientifica, il gioco, l’arte.

Il Ministero per i beni e le attività culturali (MiBACT) ha riconosciuto il programma culturale del Masetto nell’ambito dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.
Nel 2018 il Masetto è stato scelto quale sede per l’anteprima della prima edizione in Trentino di Festival delle Resistenze Contemporanee.Montagna Disegnata Workshop è tra i Progetti Terre Alte 2017-2019 approvati e finanziati da Comitato Scientifico Centrale del CAI-Club Alpino Italiano su proposta del Gruppo Terre Alte.
Nel 2017 Il Masetto ha partecipato al programma europeo Acción Cultural Española-AC/E.

Noi

Gianni Mittempergher è il gestore del Masetto. La cucina, la cura delle capre e gli incontri con gli scrittori contemporanei sono di sua competenza. È nato in montagna. Si è avvicinato al lavoro in rifugio da ragazzo, sul Catinaccio. Per alcune stagioni ha fatto il pastore. È stato cogestore del Rifugio Altissimo (proprietà della SAT-Società Alpinisti Tridentini). Coordina il Gruppo di lettura di Folgaria che ha tra i suoi scopi la realizzazione di incontri con autori, presentazioni di libri, progetti di educazione alla lettura nelle scuole.

Giulia Mirandola è responsabile della programmazione culturale, della comunicazione e della segreteria organizzativa del Masetto. È laureata in Conservazione dei Beni Culturali. Lavora in ambito editoriale dal 2003. Dal 2006 gli albi illustrati diventano il centro della sua attività di formatrice e di curatrice di progetti dedicati alla lettura visiva. Collabora stabilmente con biblioteche, scuole, università, editori, librerie, musei, festival. Insieme all’illustratore Andrea Serio è autrice di En plein air (collana PIPPO, Topipittori, 2017).

X