Programma 2020

Il Masetto diventa, nell’estate 2020, una sorta di flâneur selvatico, disposto a lasciarsi stupire, pronto a raccogliere e restituire gli stimoli che la riflessione e la creatività spargono ovunque ci sia terreno fertile, capace di custodire, alimentare, mettere a frutto.

Il programma di questa ritrovata stagione è un andirivieni tra luoghi, tempi, ambiti, interessi, temi molto diversi fra loro. Nel corso dell’estate daremo vita a una passeggiata tra le discipline, svagata e curiosa, muovendoci tra narrativa, teatro, musica, arte e cinema.

Un filo conduttore ad accompagnarci: l’attenzione. Nel duplice significato che questa espressione possiede. Da un lato come invito ad accorgersi di quello che non va, a prendere coscienza dei pericoli cui siamo costantemente esposti (basti qui accennare alla persistente minaccia di sconvolgere la valle in cui siamo con la costruzione di un’autostrada), dall’altro lato come capacità di dedicarsi a qualcosa con la migliore concentrazione possibile, a mettere cura nelle cose che si fanno.

 

 

sabato 4 luglio ore 17    LIBRI SULLA PANCA

Forèst

di Ilaria Senter

La formazione di una ragazza in un paese trentino. Il dialetto e i Nirvana. Una nonna partigiana, uno zio emigrante. Case di pietra e rampe per lo skate.

 

sabato 11 luglio ore 17    LIBRI SULLA PANCA

Il monito della ninfea.
Vaia, la montagna, il limite

di Michele Nardelli e Diego Cason (con Christian Arnoldi)

Una lucida analisi sul ciglio del baratro. Una riflessione profonda su come ci siamo giunti, e sull’opportunità di rimettere i piedi per terra. Al più presto.

 

sabato 18 luglio ore 17    LIBRI SULLA PANCA

L’abbraccio selvatico delle Alpi

di Franco Michieli

Nell’estate del 1981 un gruppo di ragazzi percorre le Alpi dal Mar Ligure all’Adriatico. Uno di loro, quarant’anni più tardi è scrittore, esploratore, geografo, e oggi ci racconta quell’avventura.

 

sabato 18 luglio ore 21.30    SCENA MASETTO

Piccolo Mondo Alpino

Fratelli Dalla Via

Uno spettacolo teatrale che squarcia il sipario sul dietro le quinte di una montagna abituata a mettere in scena se stessa, a beneficio dei turisti.

 

sabato 25 luglio ore 17    LIBRI SULLA PANCA

I passi nel bosco

di Sandro Campani

Un romanzo corale, narrato con la precisione di taglio di una motosega ben lubrificata. Un racconto d’Appennino, di quelli belli, con un protagonista inafferrabile.

 

sabato 25 luglio ore 21.30    CINEMASETTO

Keno City

di Paola Rosà e Antonio Senter

Tre mesi passati a -30 °C, una minuscola cittadina lontano da tutto. Alle prese con la minaccia di una nuova miniera, ingombrante e incombente, che nessuno vuole.

 

venerdì 31 luglio ore 21.30    CINEMASETTO

Vergot

di Cecilia Bozza Wolf (con Christian Arnoldi)

Un film sul rapporto tra due fratelli, un padre ingombrante, una madre assente, il rock e l’amore. Quel “qualcosa” (in dialetto vergot), un poco meno di tutto, che si può raccontare.

 

sabato 1 agosto ore 17    LIBRI SULLA PANCA

Prima di noi

di Giorgio Fontana

La storia dei Sartori, dal Friuli a Milano, dalla rotta di Caporetto a oggi. L’album che raccoglie le immagini di ciò che siamo stati, l’istantanea di quello che siamo oggi.

 

sabato 8 agosto ore 21.30    SCENA MASETTO

Habitat naturale

Elisabetta Granara

Una lettura scenica en plein air, la migrazione come atto necessario alla continuazione della vita.

 

domenica 9 agosto ore 17    LIBRI SULLA PANCA

Portfolio alpino

di Giuseppe Mendicino

21 ritratti di scrittori e scrittrici che hanno dato una voce alla montagna, assaporandone i silenzi.

 

sabato 1 – domenica 30 agosto    MOSTRE

Animalia al Masetto

di Annamaria Targher

Una personale ideata per gli spazi del Masetto, le opere popoleranno la chiesetta settecentesca e l’edificio principale. Animali di montagna che non conoscono placida immobilità né autosufficienza, in costante ricerca fuori da sé.

 
 
Il programma 2020 è in continuo aggiornamento. Seguici su Facebook.

“Sono rinato. Questa è la mia alba. La
vita vera è appena iniziata. Vivere
deliberatamente. Attenzione costante alle
cose fondamentali della vita e attenzione
scrupolosa all’ambiente vicino e ai suoi
problemi. Esempi includono: un lavoro,
un compito, un libro, qualsiasi cosa
richieda una concentrazione efficiente.
Le circostanze non hanno valore. È come
ci rapportiamo a una situazione ad
avere valore. Il vero significato risiede nel
rapporto personale che stabiliamo con
un fenomeno… ciò che significa per noi”.

Henry David Thoreau

X